Chirurgia cataratta

La cataratta è una patologia oculare che può diventare fortemente invalidante. Essendo totalmente indolore chi ne è affetto può non rendersene conto fino all’insorgere di difficoltà visive. Da una iniziale alterata percezione dei colori, che appaiono sbiaditi, il paziente affetto da cataratta potrà sperimentare una diminuzione della nitidezza delle immagini spesso erroneamente attribuita all’occhiale. Solitamente colpisce le persone sopra i 60 anni ed è la prima causa di cecità (trattabile) a livello mondiale. Oltre i 75 anni è addirittura il 90% delle persone ad essere colpita da tale degenerazione. L’introduzione del laser e il costante perfezionamento delle metodiche e degli strumenti, oggi consente la rimozione della cataratta in modo sempre più preciso, minimamente invasivo e indolore. Per la chirurgia della cataratta in Lombardia puoi rivolgerti al Centro Medico Solivo di Casatenovo, in provincia di Lecco.

Cataratta: cos’è?

La cataratta è quel processo di opacizzazione del cristallino che provoca una progressiva diminuzione della vista. In condizioni normali, infatti, il cristallino nell’occhio è trasparente come il cristallo: è una lente naturale bioconvessa che permette la messa a fuoco dei raggi di luce sulla retina. Quando le proteine di questa piccola lente si ossidano, la nostra capacità di mettere a fuoco le immagini si compromette: l’occhio diventa più sensibile alla luce e la vista è sempre più appannata.

Cataratta: sintomi

Cataratta sintomi

Sebbene la cataratta non sia una condizione dolorosa, i suoi sintomi risultano invalidanti. Tra i più comunemente riferiti rientrano visione offuscata o sdoppiata, percezione meno vivida dei colori, abbagliamento, fotofobia o ipersensibilità alla luce che rendono necessari frequenti cambiamenti degli occhiali. La cataratta può risultare visibile come una macchia giallastra o biancastra che opacizza la pupilla, e nel tempo può causare una progressiva miopizzazione, anche nell’occhio presbite.

Cataratta: cause

Cataratta: cause

Le cause della cataratta risiedono innanzitutto nel naturale processo degenerativo delle cellule, che può essere accelerato o aggravato da abitudini, stili di vita – come fumare – e predisposizioni genetiche. La maggioranza delle persone sviluppa la cataratta in età matura (cataratta senile): il cristallino si fa sempre meno elastico e trasparente, più spesso e denso. Esistono tuttavia patologie come il diabete che facilitano la comparsa della cataratta anche in età giovanile. La cataratta non può regredire: la sua progressione è inarrestabile, con una rapidità che varia da soggetto a soggetto. Una volta ricevuta la diagnosi di cataratta è sconsigliato rimandare l’intervento: con il tempo il cristallino opacizzato si indurisce sempre di più aumentando la complessità dell’intervento. Non è più necessario aspettare la “maturazione della cataratta”: il moderno approccio chirurgico suggerisce di intervenire quando il cristallino non è completamente opaco e disidratato.

Cataratta: chirurgia

Cataratta: chirurgia

La chirurgia della cataratta è uno degli interventi mini-invasivi più diffusi. È importante sapere che ad oggi non sono disponibili cure farmacologiche per la cataratta, né possono essere adottate misure preventive che garantiscano un successo del 100%: i dati disponibili indicano una possibile correlazione tra un’elevata assunzione di proteine e insorgenza di cataratta, per cui spesso vengono consigliate diete ipoproteiche per rallentare il decorso della malattia. Tuttavia, l’unica possibilità di trattamento è chirurgica, con la rimozione del cristallino opaco e l’inserimento di un cristallino artificiale: non esistono diete, occhiali, colliri o raggi laser che possano sostituire la chirurgia.

Per ulteriori informazioni in merito al trattamento laser della cataratta rimandiamo al nostro approfondimento dedicato: la cataratta con laser.

Cataratta: intervento

Cataratta: intervento

L’intervento per cataratta è minimamente invasivo: viene eseguito in anestesia topica, quindi Day Surgery (senza ricovero), risultando così idoneo anche per i pazienti più anziani. Viene eseguito con una tecnica microchirugica eventualmente coadiuvata con laser a femtosecondi. In questa sezione approfondiremo la prima di queste tecniche:

Prima dell’intervento

L’intervento viene concordato dopo aver valutato lo stato di salute dell’occhio, per capire se esistono altre problematiche che ne disturbano il normale funzionamento. Inoltre va considerata la condizione di salute generale dell’organismo: se il paziente segue terapie è necessario informare il medico (ad esempio in caso di assunzione di farmaci anticoagulanti o aspirina). Un esame obbligatorio da eseguire prima dell’intervento è la misurazione con ultrasuoni del bulbo oculare (ecobiometria) per conoscere la lunghezza del bulbo, elemento fondamentale nella scelta del cristallino artificiale.

In cosa consiste l’intervento

L’intervento per cataratta è preceduto dalla somministrazione di gocce per la dilatazione della pupilla. Grazie all’anestesia l’intervento si svolgerà in modo indolore per il paziente. Le fasi principali della chirurgia della cataratta sono:

  1. La frammentazione del cristallino opaco grazie agli ultrasuoni: la facoemulsificazione.
    La facoemulsificazione consiste nell’aspirazione del nucleo del cristallino grazie a una sonda a ultrasuoni. Si effettua una piccola incisione attraverso la quale la sottile sonda – vibrando a frequenze ultrasoniche – frammenta il cristallino. Una seconda sonda è poi in grado di aspirare i frammenti del cristallino opaco spezzato attraverso una apertura di soli 2,2 millimetri, liberando lo spazio per la nuova lente intraoculare – il cristallino artificiale. Questo verrà inserito attraverso la stessa incisione di misure ridottissime.
  2. Inserimento del cristallino artificiale
  3. Il cristallino opaco è stato dunque rimosso: al suo posto resta solo la sua parte posteriore – ormai completamente privata delle opacità – chiamata “capsula posteriore”. La capsula viene lasciata intatta nell’occhio nella sua sede naturale, perché è proprio su di essa che verrà appoggiato il cristallino artificiale come all’interno di una sacca. In questo modo il nuovo cristallino si troverà pressoché nella stessa posizione di quello naturale. La piccola dimensione dell’incisione ha reso non più necessaria la sutura con filo.

Dopo l’intervento

Nelle ore successive all’intervento sensazioni fastidiose come di corpo estraneo, prurito, bruciore e indolenzimento sono normali, diverse da persona a persona e non devono preoccupare: già in 24 ore è possibile che scompaiano. La completa ripresa post-operatoria è in media abbastanza veloce (circa 2-3 giorni). È di fondamentale importanza attenersi alle indicazioni post-operatorie: non dimenticare di usare il collirio prescritto; indossare la conchiglia protettiva e occhiali da sole; evitare sfregamenti dell’occhio o di schiacciarlo; non fare attività fisica. Non mancare inoltre alle visite di controllo.

Chirurgia cataratta Lombardia

Chirurgia cataratta Lombardia

Per interventi di chirurgia cataratta in Lombardia è possibile rivolgersi al Centro Medico Solivo di Casatenovo, in provincia di Lecco. Contatta la segreteria per una visita oculistica e prendi appuntamento per risolvere diverse problematiche della vista, dal trattamento della cataratta con laser sino alla correzione di problematiche come miopia, astigmatismo e ipermetropia con lenti, occhiali o laser ad eccimeri. Presso l’ambulatorio, comodamente raggiungibile dalle province di Lecco, Como, Varese, Monza e Brianza, Bergamo, Milano, Sondrio e Brescia, è attivo un centro oculistico con validi specialisti a disposizione per risolvere le problematiche della vista, tra cui la cataratta, cataratta secondaria, traumi oculari, malattie oftalmiche o sistemiche, difetti ereditari o congeniti, occhio secco, glaucoma.

 

Il Dr Serini effettua visite presso i seguenti centri medici:

CENTRO MEDICO POLISPECIALISTICO SOLIVO
Via Camillo Benso Conte di Cavour, 12 – 23880 Casatenovo (LC) – 1° piano sopra Deutsche Bank, entrata laterale – Tel. 039 9202664 – Cell. 335 405239

CENTRO SALUTE PIANTEDO
Via Colico, 43/A – 23010 Piantedo (SO) – Tel. 0342682132

CENTRO MEDICO POLISPECIALISTICO E RIABILITATIVO SAN NICOLò
C.so Mazzini, 43 – 17011 Albisola Superiore (SV) – Tel. 019489815 – Cell. 331 5028055